Carovilli… dove il clima è più gentile!

Carovilli è un borgo del Molise dove atmosfere antiche e paesaggio si fondono in completa armonia. Percorrendo le strade del centro storico, tra mura in pietra e portali scolpiti, si scorgono finestrelle, piazze, lavatoi, fontane, locali una volta adibiti a botteghe artigiane.

Storia di Carovilli

La ricchezza di risorse idriche, vegetali e faunistiche dell’Alto Molise già in epoca preistorica, ha favorito la presenza umana nel territorio di Carovilli fin da tempi molto antichi.

Il territorio di Carovilli è una delle zone tartufigene più rinomate per la presenza di Tartufo Bianco Pregiato.

La storia più recente lega Carovilli alla sua posizione strategica lungo due tratturi, Celano-Foggia e Castel di Sangro-Lucera, ed un tratturello di collegamento nei pressi della chiesa di San Domenico. La transumanza e la lavorazione lattiero - casearia di pregio hanno da sempre caratterizzato l’economia locale e continuano a farlo.

Appartenuto al Ducato dei D’Alessandro, come testimoniato da alcuni edifici ancora esistenti, ha dato i natali a Santo Stefano del Lupo, monaco benedettino e Santo patrono di Carovilli, e ad Emilio Labbate, scultore di arte sacra considerato il più grande scultore dell’ottocento molisano.